Emergenza Coronavirus. Il Parco Villa Ghigi è di nuovo aperto

 

Ai frequentatori del Parco Villa Ghigi e ai tanti amici della Fondazione

Per contrastare l’emergenza coronavirus negli scorsi tre mesi abbiamo annullato tutti gli appuntamenti per bambini e adulti nel Parco Villa Ghigi, come pure nell’Aula Didattica del Parco Grosso e nel LEA di Villa Scandellara.
Dal 4 maggio il parco, come tutti gli altri, è di nuovo aperto: è verde e rigoglioso più di sempre e regala ancora belle fioriture (di tante erbe dei prati, di orchidee e altre specie preziose).
In questo primo periodo dopo la riapertura ci sembra che le cose si svolgano in modo abbastanza ordinato, anche se, soprattutto nei fine settimana, abbiamo visto comportamenti non sempre adeguati e rispettosi: molti rifiuti nei cesti e intorno (sarebbe bene riportare con sé almeno quelli più ingombranti!), molte persone con la mascherina e molte senza, troppe persone vicine nei prati, qualche raccolta di fiori (è vietato!), qualche cane lasciato a rovistare nei cesti dei rifiuti (dove già si accaniscono cornacchie e gazze), biciclette a eccessiva velocità (e fuori dalla viabilità principale), pallonate contro la villa (se si vuole giocare a pallone meglio andare altrove), qualche auto e moto che, soprattutto nel tardo pomeriggio, ignora i numerosi divieti (ci sono almeno cinque cartelli prima di entrare nel parco). Segnaliamo, visto che qualcuno ce lo ha chiesto, che le attrezzature del percorso vita non possono ancora essere utilizzate e pensare a una loro sanificazione quotidiana ci sembra al momento impraticabile (e anche inutile, come è facile intuire).
Il nostro centro estivo nel parco, seppure con modalità e numeri un po’ diversi dagli altri anni, è ricominciato. Il punto di ristoro della Casa del Custode ha aperto a metà giugno.
Noi siamo in prevalenza tornati a lavorare in ufficio e siamo peraltro sempre raggiungibili scrivendo a info@fondazionevillaghigi.it o alle nostre mail singole, che molti di voi hanno e che comunque si trovano sul sito.
Come ben sapete, la pandemia non è ancora finita e vi raccomandiamo ancora una volta prudenza, rispetto delle regole, attenzione per voi e per gli altri (e per la natura).

Buone passeggiate nel parco

comune.bologna.it/news/coronavirus