Torna, per il sedicesimo anno consecutivo, il programma di passeggiate ed escursioni nelle colline che si alzano a ridosso di Bologna e in tanti altri luoghi del territorio bolognese.
Negli ultimi anni, purtroppo, la pandemia ci ha costretti a modificare sia il programma sia le modalità con le quali venivano svolte in passato le escursioni. La situazione pare migliorata, grazie anche alla campagna vaccinale, ma la prudenza, il rispetto rigoroso delle regole e i comportamenti responsabili sono ancora fondamentali. Anche per il 2022 abbiamo pensato, pertanto, di mantenere un numero ridotto di partecipanti ampliato però a 30 persone e di raccogliere le adesioni sempre tramite prenotazione.

Il programma completo, anche per quest’anno, è visibile esclusivamente sui nostri siti. Sarà quindi più facile modificarlo e comunicare tempestivamente eventuali modifiche, speriamo in meglio, anche nelle modalità di partecipazione.

Da marzo a novembre ci sono 15 occasioni per scoprire i tesori naturalistici e storico-paesaggistici del nostro territorio, dalle passeggiate a tema nel Parco Villa Ghigi sino alle escursioni nella valle del Savena, nella Riserva del Contrafforte Pliocenico e in ambiti più distanti dalla città come il Parco di Monte Sole e Monte Bibele.

Arrivederci in collina!

Scarica il programma Le colline fuori della porta 2022

Modalità di prenotazione e comportamenti

Il numero massimo di partecipanti ammesso alle passeggiate e alle escursioni è, al momento, di 30 persone. Per iscriversi occorre consultare il sito della Fondazione Villa Ghigi, nelle passeggiate organizzate dalla stessa, o i siti della Consulta o delle associazioni che di volta in volta organizzano le singole escursioni, seguendo le modalità di iscrizione indicate per ciascuna.

Le prenotazioni si effettuano esclusivamente per e-mail dal lunedì che precede la passeggiata.

I partecipanti devono:

non essere soggetti a limitazioni legate al Covid-19 o presentare sintomatologie riconducibili (febbre, tosse, raffreddore);

– essere dotati di mascherina e disinfettante per le mani.

La mascherina andrà sempre mantenuta correttamente, coprendo naso e bocca, nel luogo di ritrovo e nei momenti di sosta collettiva.

 

Passeggiate ed escursioni sono gratuite.

 

Consigli per i partecipanti

 

Le passeggiate sono percorsi più brevi e agevoli, analoghi a quelli organizzati tante volte nel Parco Villa Ghigi e nelle vicinanze o in altre zone collinari prossime alla città. Sono sufficienti scarpe comode e robuste e un ombrello (o una giacca impermeabile) in caso di tempo incerto. Le escursioni sono più lunghe e impegnative: richiedono una certa abitudine e un po’ di allenamento a camminare per qualche ora in salita e discesa su terreni sconnessi e a volte invasi dalla vegetazione. Servono scarponcini o pedule da montagna e non scarpe con suola liscia. È utile portare con sé uno zainetto con berretto, guanti, giacca impermeabile, occhiali da sole, acqua e il necessario per un pranzo al sacco. Meglio indossare abiti robusti da campagna, che resistano a rami e spine, e vestirsi a strati, per potersi alleggerire o coprire all’occasione.

In caso di pioggia forte sia le passeggiate che le escursioni si intendono annullate.

Per le prenotazioni alle passeggiate accompagnate dalla Fondazione Villa Ghigi occorre inviare una e-mail a info@fondazionevillaghigi.it a partire dalle ore 8.00 del lunedì che precede la passeggiata. Con ogni e-mail è possibile prenotare al massimo 2 posti (sono accettate più di 2 persone per e-mail solo se si tratta di figli minorenni); all’atto della prenotazione occorre specificare data e titolo dell’escursione, indicare nome e cognome dei partecipanti e lasciare un recapito telefonico.

Programma

PRIMAVERA

Domenica 27 Marzo POSTI ESAURITI

La primavera nel Parco Villa Ghigi tra canti di uccelli e fioriture

Con l’arrivo della primavera inizia la stagione che gli uccelli dedicano alla deposizione e cova delle uova. La passeggiata è un’occasione per descrivere le abitudini delle specie più comuni, riconoscerne qualcuna, ascoltare versi e canti con uno sguardo alle belle fioriture del periodo.

Ore 10-12.30 Partenza dall’ingresso al parco di via San Mamolo (Giardino Norma Mascellani). Accompagna Fondazione Villa Ghigi.

 

Domenica 10 Aprile

Sulla via del Fantini verso il Castello di Zena

La Val di Zena è un luogo pieno di tesori da scoprire. Un castello matildico e una torre medievale ricoperta di edera raccontano leggende di amori impossibili e sciami di formiche alate. Nel borgo di Tazzola un museo unico nel suo genere raccoglie le bizzarre rocce che Luigi Fantini, autodidatta naturalista, paleontologo, speleologo, geologo e fotografo, chiamava botroidi. Ripercorreremo i passi e le scoperte di quello che si può considerare il padre spirituale di tante scoperte scientifiche nel Bolognese, seguendo alcuni tratti della via a lui dedicata.

Ore 9-13 Ritrovo presso la Trattoria Grillini a Zena, in via Zena 25, nel territorio comunale di Pianoro. Accompagna l’associazione Parco Museale della Val di Zena.

 

Domenica 24 Aprile POSTI ESAURITI

Vigne e vitigni del parco e della collina bolognese

Una passeggiata per le vigne dell’antica tenuta di Villa Ghigi per raccontare i progetti di valorizzazione di questo prezioso patrimonio rurale che il parco custodisce.

Ore 10-12 Partenza dall’ingresso al parco di via San Mamolo (Giardino Norma Mascellani). Accompagna Fondazione Villa Ghigi.

 

Domenica 8 Maggio
La via del Savena: dalla città alla collina seguendo il fiume

Dal ponte sul Savena, nei pressi dei laghetti di Canalecchio, si segue il tratto medio collinare del torrente a tratti scendendo sulle sponde tra sabbia e ciottoli, arbusti di ginepro e ginestra in vista della bella parete di arenaria di M. Castellazzo. Si sale poi per il sentiero CAI 913 a Brento, nella Riserva del Contrafforte Pliocenico, tra boschi di roverella, con ampi panorami sulla valle del Savena. Da Brento si fa ritorno al fondovalle chiudendo un anello di media difficoltà lungo 17 km con un dislivello di 600 m che richiede circa 6 ore di cammino.

Ore 10-16.30 Partenza dalla località Osteriola (Pianoro vecchio). Accompagna Oltr’Alpe.

 

Domenica 22 Maggio
Antiche opera dell’uomo e della natura

Da Riola si sale per raggiungere il borgo di Costonzo, risalente al XIV secolo e prima sede di una scuola medica dell’Appennino, proseguendo poi per un sentiero ad anello che porta ad ammirare le formazioni arenacee modellate dagli agenti atmosferici denominate Grotte di Soprasasso, Passando per il borgo di Monzone si fa ritorno alla stazione di Riola. La lunghezza del percorso è di 10,5 km con un dislivello di 500 m e richiede circa 3,5 ore di cammino effettivo.

Ore 10-16.30 Partenza dalla stazione di Riola. Per chi preferisce arrivare da Bologna in treno ritrovo ore 8.45 al piazzale Ovest della stazione di Bologna Centrale (partenza treno ore 9.04, arrivo a Riola ore 10.02). Rientro a Bologna da Riola con treno ore 16.34, arrivo a Bologna ore 17.32. Accompagna CAI BO.

 

Domenica 29 Maggio
L’anello di Valverde

Un itinerario ad anello che collega Villa Ghigi a Villa Aldini e somma interessi di carattere naturalistico, storico e paesaggistico, consentendo di ammirare splendide vedute sulla città e sulla prima collina di Bologna; il percorso, lungo circa 4,5 km, è senza particolari difficoltà, ma con un discreto dislivello.

Ore 9.30-12.30 Partenza dall’ingresso al parco di via San Mamolo (Giardino Norma Mascellani). Accompagna Fondazione Villa Ghigi

 

Domenica 5 Giugno

Dal fiume e dalla collina al Parco della Chiusa

(In occasione della Festa dei Sentieri, giornata nazionale dei Sentieri e Aree Protette)

Nella giornata della Festa dei Sentieri si terranno due escursioni, adatte a tutti ma di diversa lunghezza e difficoltà, all’interno di due parchi lungo la valle del Reno, con ritrovo finale al Parco della Chiusa per il pranzo sui prati e festa con giochi e balli all’aperto (pranzo al sacco).

La Valle del Reno. Ritrovo ore 9,30 stazione di Borgonuovo. Da Borgonuovo si raggiunge la valle del Reno e i laghetti del Maglio per poi proseguire lungo il fiume sino a raggiungere il Parco della Chiusa e Villa Sampieri Talon.

Da Villa Spada al Parco della Chiusa. Ritrovo ore 9,00 a Villa Spada (angolo vie Saragozza e Casaglia). Si sale attraverso i parchi di Villa Spada e San Pellegrino, si oltrepassa Monte Albano e si scende per il sentiero CAI 900 sino al Parco della Chiusa.

Accompagnano CAI Medio Reno, CSI Sasso Marconi, Gruppo di Studi “Progetto 10 Righe”.

AUTUNNO

Domenica 4 Settembre

Panorami e tradizioni della Valle del Reno

(a Colle Ameno e a Palazzo de Rossi per la “Fìra di Sdàz”)

Un’escursione adatta a tutti, tra natura, architettura e divertimento. Dalla stazione di Borgonuovo si giunge ai laghetti del Maglio e si costeggia il corso del fiume Reno per poi imboccare lo splendido viale di platani che conduce al borgo rinascimentale di Palazzo de’ Rossi. Dopo una breve visita al borgo si arriva al ponte sospeso di Vizzano e si prosegue sino al borgo settecentesco di Colle Ameno in occasione della tradizionale “Fira di Sdàz”. Dopo la visita al borgo si torna per la valle del Reno sino a Borgonuovo.

Ore 9-14 Ritrovo ore 9.30 alla stazione ferroviaria di Borgonuovo (partenza treno da Bologna piazzale Ovest ore 9,04); rientro nel pomeriggio a Borgonuovo (partenza treni per Bologna ore 14.09 o 15.09). 

Accompagnano CSI Sasso Marconi, Progetto 10 Righe, CAI Medio Reno.

 

Domenica 18 Settembre

Frutti di fine estate nel Parco Villa Ghigi

Una passeggiata per conoscere e apprezzare il ricco patrimonio di alberi da frutto presenti nel parco (peri, azzeruoli, fichi, cotogni e diverse varietà di uva), accompagnata da racconti e curiosità sulle antiche varietà della tenuta Ghigi, con visita finale al prezioso Frutteto del Palazzino.

Ore 10-12.30 Partenza dall’ingresso al parco di via San Mamolo (Giardino Norma Mascellani). Accompagna Fondazione Villa Ghigi.

 

Domenica 25 Settembre

Parco Regionale Storico di Monte Sole

Una giornata nel parco che custodisce un patrimonio di biodiversità tra i più ricchi della regione, ma è anche tristemente noto per i tragici eventi dell’autunno 1944, quando vi fu compiuto uno dei maggiori eccidi della seconda guerra mondiale ai danni della popolazione civile. L’escursione toccherà alcuni dei luoghi simbolo del Memoriale come la chiesa e il cimitero di Casaglia.

Ore 10-18.30 Partenza dalla stazione ferroviaria di Pian di Venola (partenza treno da Bologna Centrale piazzale Ovest ore 9.04, arrivo a Pian di Venola ore 9.42). Possibilità di rientro a Bologna con treno ore 18.42. Accompagna MadreSelva

 

Domenica 2 Ottobre

Perdersi alla Ponticella

Partendo dalla Ponticella si affronterà la salita, a tratti piuttosto ripida, che porta verso il cuore del Parco dei Gessi Bolognesi. Cercando di seguire un percorso ad anello, si farà il possibile per raggiungere la grande dolina della Spipola e trovare poi una discesa che ci riporti alla Ponticella. In caso di pioggia nei giorni precedenti alcuni tratti potranno risultare molto fangosi.

Ore 9.45-15 Partenza dal capolinea Tper linea 11B (via Edera, Ponticella). Rientro bus 11B ore 15. Accompagna PassoBarbasso.

 

Domenica 9 Ottobre

Dal Reno al Savena: la traversata dei colli bolognesi

Il collegamento tra i parchi della collina bolognese è uno degli obiettivi della rete di sentieri proposta dalla Consulta per l’Escursionismo. Il sentiero 900, di cui si segue il tracciato anche nei tratti ancora da definire, ne è il vero e proprio simbolo: dal Parco della Chiusa al Ravone e a San Michele di Gaibola, proseguendo per Monte Paderno, Roncrio, Forte Bandiera sino a raggiungere il Paleotto dopo aver camminato circa 14 km per un percorso di media difficoltà con un dislivello salita/discesa di 500/550 metri.

Ore 9-17 Partenza dall’ingresso del Parco della Chiusa a Casalecchio, presso la chiesa di San Martino (bus 20 da Bologna). Rientro da San Ruffillo (bus 13 o 96). Accompagna Trekking Italia.

 

Domenica 23 Ottobre

Natura e benessere nel Parco Villa Ghigi

Una piacevole passeggiata nel parco tra i colori dell’autunno che è anche un’occasione per raccontare delle molte attività, dall’orticoltura terapeutica alla scuola in natura, che fanno del contatto con il verde uno degli elementi fondanti per il benessere di adulti e bambini.

Ore 10-12 Partenza dall’ingresso al parco di via San Mamolo (Giardino Norma Mascellani). Accompagna Fondazione Villa Ghigi.

 

Domenica 30 Ottobre

Sulla via del Fantini verso Monte Bibele

Partendo dalla bella Valle dell’Idice si sale verso il sito archeologico di Monte Bibele: un luogo magico che racconta una storia di migliaia di anni fa, quando prima dei Romani, erano gli Etrusco-Celti ad abitare queste zone. Tra i resti dell’antico villaggio e le capanne, oggi ricostruite, sono stati ritrovati eccezionali reperti archeologici. Ripercorreremo i passi e le scoperte del noto speleologo bolognese Luigi Fantini, seguendo alcuni tratti della via a dedicata a questo vero e proprio esploratore dell’Appennino.

Ore 9-13.30 Ritrovo ore 9.00 presso il bar ristorante Querceto, in via Idice 337/1 a San Benedetto del Querceto. Sarà possibile raggiungere il punto di ritrovo con il bus 916 che parte alle 8.05 dall’autostazione di Bologna. Ritorno con bus 918 in partenza da San Benedetto del Querceto alle ore 14.05.Accompagna Parco Museale Val di Zena.

 

Domenica 6 Novembre

Storie di Cipressi tra l’Osservanza e Ronzano

In occasione dell’annuale Festa della Storia, una passeggiata sui rilievi più vicini alla città caratterizzati dalla presenza di cipressi secolari, silenziosi testimoni di piccoli brani di storia collinare.

Ore 10-13 Partenza dal piazzale dalla chiesa dell’Annunziata e ritorno, attraverso il Parco Villa Ghigi, al giardinetto Norma Mascellani, con fermata bus, in via San Mamolo. Accompagna Fondazione Villa Ghigi.