Casa del Custode

Il punto di ristoro del Parco Villa Ghigi

La Casa del Custode, accanto a Villa Ghigi, è un edificio che compare nelle carte settecentesche, anche se l’aspetto attuale è dovuto a un rimaneggiamento dei primi decenni del ’900. È stata abitata a lungo dalla famiglia Cerè, sino all’inizio degli anni ’70, e Luciano Cerè, il figlio del custode, scomparso nel febbraio 2018, ci ha negli anni trasmesso tante interessanti informazioni su questo edificio, sulla villa e sulla vita della tenuta di un tempo. Ridare vita alla Casa del Custode, disabitata dagli anni ’90, è sempre stata una nostra ambizione, anche per dotare il parco di un punto di ristoro e, di conseguenza, di un moderno servizio igienico per i visitatori. Negli anni scorsi, dopo aver ottenuto dal Comune di Bologna la concessione dell’immobile, abbiamo indetto una gara ufficiosa per la gestione del punto di ristoro, invitando a partecipare alcuni soggetti che negli anni e mesi precedenti avevano in modo autonomo manifestato interesse a svolgere un servizio di questo genere nel parco. Il progetto più convincente si è rivelato quello presentato da Bernardo Bolognesi e a lui è stata affidata la ristrutturazione dell’edificio e la gestione del servizio. L’iter amministrativo è durato e sta durando più del previsto, anche se nell’estate 2017 e in quelle del 2019, 2021 e 2021 il punto di ristoro è stato aperto per qualche mese.

Nel prossimo mese di novembre dovrebbero finalmente poter iniziare i lavori di consolidamento e ristrutturazione dell’edificio, che si concluderanno nel corso dell’inverno. Dai primi mesi del 2022, comunque, la Casa del Custode potrebbe essere occasionalmente aperta, in qualche domenica invernale di bel tempo, per poi cominciare a funzionare più regolarmente in primavera.

info Casa del Custode

Per la Casa del Custode contattare:

Bernardo Bolognesi, gestore
casadelcustodevillaghigi@gmail.com
+39 345 7883894

Iscriviti e richiedi la tessera della Casa del Custode