Un’esperienza straordinaria, indimenticabile e un po’ avventurosa in un ambiente sconosciuto a due passi da casa: si arriva nel parco al tardo pomeriggio e si resta sino alla mattina seguente per vivere l’arrivo della sera, scoprire una natura inconsueta e misteriosa attraverso un’esplorazione notturna o una passeggiata ai primi chiarori che precedono il sorgere del sole. Stare in mezzo alla natura in ore per noi insolite è un modo per verificare, anche grazie all’installazione di una fototrappola, che per altri abitanti del parco (caprioli, ricci, rapaci notturni, rospi) sono proprio quelle le ore di maggiore attività. Il periodo migliore per godere di albe e tramonti ravvicinati è l’autunno, ma anche le altre stagioni hanno il loro fascino peculiare. Per gli appassionati di storie, tanti libri e racconti di natura da leggere davanti al fuoco nella vecchia cucina del Palazzino. La sistemazione per la notte è in una grande sala che un tempo era un fienile; si dorme su materassini, la cena è al sacco e al mattino è prevista un’abbondante colazione.

Costi

Una notte nel parco

Dalle ore 18 del primo giorno
alle 10 di quello successivo

200 euro