Il crescente impegno degli ultimi anni sulla prima infanzia si intreccia spesso con un progetto che la Fondazione cura da anni nel parco e che ha avuto origine da un progetto regionale INFEA.

Il progetto, nato intorno all’idea di sviluppare un contatto diretto e continuato tra bambini e natura, sulla scorta di esperienze oggi diffuse soprattutto nel mondo tedesco e nordico, prevede che i bambini trascorrano le giornate all’aperto, con il buono e il cattivo tempo, passando molte ore a contatto con la natura e giocando nel bosco e con il bosco (foglie, tronchi, rami, terreno, sassi, erbe, animaletti), in un contesto che privilegia l’autoapprendimento attraverso l’esplorazione sensoriale.

Per il momento le sperimentazioni effettuate, con risultati sempre molto interessanti e per molti aspetti entusiasmanti, hanno coinvolto sezioni di nido e scuola dell’infanzia e gruppi di bambini in estate per una o più giornate consecutive, ma l’obiettivo è certamente di dare vita a un’esperienza stabile e continuativa, una vera “scuola nel bosco”, che possa illuminare sulle infinite implicazioni di questo approccio educativo, che appare sempre più efficace e utile per far crescere in maniera equilibrata i bambini delle ultime generazioni.

Un interessante testo sul tema è Michela Schenetti, Irene Salvaterra, Benedetta Rossini, La scuola nel bosco. Pedagogia, didattica e natura, Erickson, 2015, che contiene numerosi riferimenti alle esperienze svolte nel parco e a Bologna.

Donati P., Salvaterra I., Schenetti M. – Quando la scuola va nel bosco

Salvaterra I., Schenetti M. – Dalla scuola nel bosco alla conquista dei giardini

Schenetti M., Salvaterra I., Rossini B. da La scuola nel bosco – Una nostra giornata

Info

Vai al sito dedicato La scuola nel bosco